14 dicembre 2007

Un widget a testa e il consumatore fa festa

Si era già discusso un paio di anni fa della voglia diffusa, tra le grandi aziende, di utilizzare le informazioni nutrizionali sui propri prodotti come clava pubblica per dimostrare a consumatori abituali e potenziali la salubrità dei propri prodotti. Quella volta ci aveva provato McDonald’s, intenta a dare una ripulita alla propria immagine di produci-veleni-alimentari in favore di un curioso riposizionamento come azienda fornitrice di prodotti di qualità grazie all’introduzione preventiva del “famoso” programma Hazard Analysis And Critical Control Point, per gli amici HACCP. Nel 2007, invece, la palma di azienda produci-bimbi-ciccioni-che-vuole-rifarsi-il-look è andata a Coca Cola Italia, che tra i clamori di mezzo Web ha iniziato a distribuire un widget finalizzato a comunicare le informazioni nutrizionali sui propri prodotti.

Il sitarello informativo, ampiamente pubblicizzato sui maggiori siti italiani e poi commentato dalla blogosfera, spiega che per poter visualizzare le informazioni è necessario scaricare e installare Google Desktop, per poi scaricare «l’interfaccia GDA dei prodotti Coca Cola» (eh?), al fine di scoprire l’apporto nutrizionale delle bevande Coca Cola e poi, probabilmente, smettere di berle. Uno sforzo cognitivo non indifferente, per i distratti navigatori del Web, che però non porta loro davvero nessun beneficio tangibile: se proprio non si può fare a meno di conoscere le informazioni nutrizionali della propria bevanda gassata preferita, basta girare la bottiglia e leggerle da lì, piuttosto che portarsi sul PC l’ingombrante Google Desktop. Apprezzabile il tentativo di rifarsi il look a botte di comunicati stampa sui widget, insomma, ma realisticamente tendenti allo zero le installazioni.

Molto più scoppiettante, invece, l’altro widget “nutrizionale” lanciato in queste settimane: si tratta di un’iniziativa dell’Agenzia Le Balene Colpiscono Ancora, che qualche anno fa curava le campagne nutrizionali McDonald’s di cui sopra. Viene regalato a chi si registra al sito Mivida, la dolce vida e compila un bizzarro questionario utile ad illustrare i vantaggi di Misura Mivida nell’uso quotidiano; si riceve via e-mail in doppia versione (per Windows e MacOS) e non necessita di installazione e connessione ad Internet. Anche in questo caso, l’etichetta di “widget” è un po’ forzata; contrariamente al softwarino Coca Cola, però, la bustina Mivida virtuale che viene visualizzata sul PC dell’utente ha un’utilità quotidiana. Si può infatti scegliere tra un ampio numero di alimenti e conoscere apporto calorico e principali valori nutrizionali.

L’ultimo widget visto balenare sui nostri schermi in queste ultime settimane è Todolive di Todomondo, che finalmente non parla di calorie e grassi, ma di opportunità di andare in vacanza a prezzi scontati. L’applicazioncina è disponibile solo per Windows e si connette periodicamente ai server di questa agenzia di viaggio virtuale per proiettare, in maniera animata, le migliori offerte disponibili. Uno strumento utile per gli utenti, un mezzo potente per chi lo fornisce: è un canale sempre aperto col cliente, che può essere utilizzato in maniera versatile per veicolare le più svariate informazioni, in maniera indipendente (rispetto alla soluzione di Coca Cola basata su Google Desktop) ed interattiva (rispetto all’applicazione offline di Misura). Quanto ci metteranno le altre aziende ad imitare Todomondo? Quali widget verranno riconosciuti come indispensabili (o quantomeno utili) dai clienti?

Filed under Alimentazione e agricoltura, Turismo e trasporti, Vita in Rete by

Permalink Print Comment

Comments on Un widget a testa e il consumatore fa festa »

17 dicembre 2007

SuperCopy @ 10:55 am

Nessuno dei signori di Misura si è accorto che in molti alimenti (forse tutti, non so: non ho controllato) presenti nel suddetto widget i valori quantitativi di carboidrati e grassi sono invertiti? Che senso ha dare un widget che nelle sue intenzioni vorrebbe essere utile e poi si rivela semplicemente errato? Ok per chi deve controllare soltanto l’apporto calorico: più o meno ci siamo, ma chi deve limitare l’assunzione di grassi per questioni legate a colesterolo e compagnia bella? Rivedere i dati prima di far uscire una cosa del genere pare mossa troppo intelligente?

21 dicembre 2007

Marco Andolfato @ 6:22 pm

Cara Alessia: sono Marco Andolfato delle Balene. Purtroppo degli errori che segnali mi sono accorto solo oggi, vedendo la tua segnalazione. Siamo intervenuti subito (compatibilmente con i casini che ci sono l’ultimo giorno prima di Natale): il nuovo widget è già pronto e verrà inviato a tutti quelli che l’avevano scaricato (quindi anche a te) il 27 dicembre. Mi spiace per l’inconveniente.

SuperCopy @ 9:42 pm

Caro Marco,
rendo merito a te e ai tuoi colleghi per la tempestività dell’intervento: conosco bene il clima d’agenzia che si respira prima di festività varie. In questo caso ci si è messa pure una “Alessia” a rompere le uova nel paniere. Seppure in maniera un poco anomala (ne converrai anche tu), mi fa piacere esser stata utile per permettere a dei colleghi di migliorare il loro lavoro. Hasta luego!

Giuseppe Mazza @ 10:16 pm

Grazie ad entrambi per il dialogo costruttivo e la sensibilità nel voler correggere i problemi. 😉

SuperCopy @ 10:56 pm

@ Marco: Un piccolo appunto, giusto per chiarire il dietro le quinte: la comunicazione è un amore di lungo periodo e il mio mestiere, ma non è bastata la mia congenita pignoleria a trovare l’inghippo. Ci si è dovuta mettere di mezzo una dieta, quella con cui da oltre un mese stresso amici, parenti, colleghi e fidanzato. Il widget scoperto quasi per caso mi sembrava una soluzione alla mano per ovviare a complicati conteggi calorici, ma quando, in cibi che so essere particolarmente ricchi in carboidrati ho trovato valori minimi, mi è venuto il sospetto che qualcosa non funzionasse. Resto in attesa della nuova release, poi ti farò sapere!

28 dicembre 2007

SuperCopy @ 1:42 pm

Oggi è il 28 dicembre e non c’è nessun widget corretto nella mia casella di posta. Ok, poco male: ho le tabelle nutrizionali della dietologa. Non sono una fedele consumatrice Mivida né di altri dolcificanti e quindi la mia opinione sul prodotto non cambierà, ma resto perplessa sempre (e delusa, anche: in fondo conservo caparbiamente questa caratteristica da bambina) quando qualcuno fa promesse e non le mantiene. Si tratta pur sempre dell’A.D. di una di quelle che restano, per me, le agenzie che in Italia sanno ancora fare una comunicazione brillante. Peccato.

2 gennaio 2008

SuperCopy @ 8:29 pm

Il widget è arrivato ora e mi pare doveroso segnalarlo. Lo sto scaricando. In tutto questo tafferuglio sono contenta del fatto che almeno è stato posto rimedio all’errore.

Leave a Comment


Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method sem_panels::the_footer_boxes() should not be called statically in /home/mhd-01/www.commeurope.com/htdocs/wp-includes/class-wp-hook.php on line 286

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method sem_panels::the_footer() should not be called statically in /home/mhd-01/www.commeurope.com/htdocs/wp-includes/class-wp-hook.php on line 286

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method sem_footer::credits_widget() should not be called statically in /home/mhd-01/www.commeurope.com/htdocs/wp-includes/widgets.php on line 743

Strict Standards: Non-static method sem_footer::get_theme_description() should not be called statically in /home/mhd-01/www.commeurope.com/htdocs/wp-content/themes/semiologic/inc/footer.php on line 126