30 giugno 2008

La Fiat alla conquista della Cina (o forse no)

Imbarazzante ingenuità o calcolata astuzia? Non ci sono vie di mezzo per giudicare la vicenda dello spot di Richard Gere per la Lancia Delta, le presunte proteste ufficiali cinesi e le ampiamente dibattute scuse da parte del Gruppo Fiat. Sono due scenari opposti, ma che sorprendono entrambi per la loro ormai non così rara frequenza: la globalizzazione va avanti e un cultural clash al giorno, subito o voluto, è ordinaria amministrazione.

L’ipotesi dell’ingenuità prende spunto dalla versione internazionale del comunicato stampa con cui il Gruppo Fiat ha annunciato il lancio della campagna, definendo lo spot «a political poem about peace» ed esaltando la sensibilità di Richard Gere come fine mediatore culturale alle prese coi mali del mondo orientale. Cosa quanto meno bizzarra, viste le numerose minacce di morte ricevute dall’attore in seguito a clamorose cadute di stile come il bacio in pubblico a Shilpa Shetty.

La tesi opposta, quella della campagna “furbetta” di marketing, è quella sostenuta da chi, come Alberto Fattori, nutre qualche dubbio sulla sequenza degli eventi: prima il lancio dello spot in pompa magna, poi le scuse da parte del Gruppo di Torino, senza che in mezzo apparisse nessuna vera presa di posizione, ufficiale o ufficiosa, da parte del Governo o di qualsiasi altra Istituzione di Pechino. Una strategia, insomma, per far parlare di sé e del proprio prodotto da parte dei media di tutto il mondo.

Prima di ricadere in una nuova flame war come quella dell’anno scorso, sia ben chiaro che la Fiat è un’azienda bellissima, che è bello che l’economia nazionale possa godere degli effetti benefici della sua ripresa, che è un bene che dia lavoro diretto o indiretto a tanti di noi etcetera etcetera. Però, è possibile alzare la manina per esprimere un (bel) po’ di perplessità su questo tipo di campagne, del tutto incoerenti con lo stile di un marchio sobrio come Lancia?

Filed under Personaggi, Pubblicità by

Permalink Print Comment

Leave a Comment


Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method sem_panels::the_footer_boxes() should not be called statically in /home/mhd-01/www.commeurope.com/htdocs/wp-includes/class-wp-hook.php on line 286

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method sem_panels::the_footer() should not be called statically in /home/mhd-01/www.commeurope.com/htdocs/wp-includes/class-wp-hook.php on line 286

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method sem_footer::credits_widget() should not be called statically in /home/mhd-01/www.commeurope.com/htdocs/wp-includes/widgets.php on line 743

Strict Standards: Non-static method sem_footer::get_theme_description() should not be called statically in /home/mhd-01/www.commeurope.com/htdocs/wp-content/themes/semiologic/inc/footer.php on line 126