È il turno di NoiCom…

C’erano una volta PlugIt ed Edisontel, le società telefoniche più coinvolte negli scandali sui dialer. C’era una volta Freedomland, la creaturina di Virgilio Degiovanni all’apogeo del delirio pseudo-internettiano di qualche annetto fa. Presto tutte queste meravigliose realtà impenditoriali (…) saranno anche quotate, sotto il nuovo nome di Eutelia. Corriamo a comprare le azioni…

Nel frattempo, questa sorta di mostro telefonico ingurgita aziende che, al contrario, hanno alle spalle tutt’altra immagine: i marchi NoiCom e NetManager sono nella mente di centinaia di migliaia di utenti italiani, con un vissuto molto positivo alle spalle. Chi nel NordOvest non ricorda le campagne di NoiCom, ad esempio? Chi non ha assistito, appena pochi mesi fa, all’amministratore delegato Adriano De Luca che parlava con piglio imprenditoriale dei successi “della sua creatura”?

Effettivamente, il successo era reale. NoiCom era l’unica società telefonica regionale che sembrava reggere: tutte le altre erano finite nel calderone di Piol, Elitel. Alle spalle, d’altronde, c’erano AEM Torino e Comune di Torino: l’acquisizione di Planetwork aveva spinto l’operatore persino a pensare in termini nazionali. Poi sono iniziati le assemblee straordinarie, la cassa integrazione, la fuga degli azionisti

Oggi rimane un “problemino” da risolvere, per il mostro mangiatutto Eutilia: cosa fare dei 140 dipendenti di NoiCom? Ieri sera a Torino tirava un’area veramente desolante: le vie del centro erano tappezzate di volantini dei lavoratori in sospeso, che lentamente marciavano dal Comune a Piazza Castello, la piazza principale della città, accompagnati dalle musiche di Manu Chao. Un principio di insubordinazione civile contro i trasferimenti forzati. I più attenti avranno ricordato le vicende di Wind ad Ivrea: tira pessima aria, in Piemonte. Massima solidarietà.

3 pensieri su “È il turno di NoiCom…

  1. Grazie mille Giuseppe, anche a nome di tutti i miei colleghi.

    Grazie a quanti ci manifestano la propria solidarietà, grazie a quanti vorranno approfittare dell’occasione di “portare a casa” ottime professionalità a prezzi da saldo, come avvenuto già in altre situazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.