Un’Ansa nuova di zecca (forse)

Dopo aver mantenuto per anni la solita grafica, l’Ansa si sveglia e ne propone una nuova: peccato che, proclami a parte, non è poi così dissimile dalla vecchia. Continuiamo ad avanzare dubbi sui gusti grafici della direzione, ma vabbé: se si amano così tanto blu acqua scuro e verde acqua chiaro, non c’è redesign che tenga. Come al solito, nel canale “Internet” vengono rifilate tutte le notizie che hanno un vago sentore tecnologico ed evidentemente i redattori non sanno dove infilare. Insomma: cambia molto, cambia nulla.

La novità più interessante, piuttosto, è quella che si cela sotto l’etichetta “News Alert“: l’Ansa propone i feed RSS. I diritti, comunque, sono solo per l’uso personale: sugli aggregatori appare una sintesi della sintesi già pubblicata sul Web. Le notizie, quelle vere, sono come sempre a pagamento per gli operatori di uffici stampa e redazioni aziendali. Le aziende interessate ad un uso commerciali dei feed possono, a loro rischio e pericolo, chiedere un preventivo.

Tra i primi effetti della novità, l’ennesima trovata dell’infaticabile Gianluca Neri, che propone anche un'”A Klip” per chi utilizza KlipFolio, uno dei pochi prodotti intellegibili ai più in questo settore. Forse forse, con queste novità, l’anima comunicativa dell’XML di cui si parlava ad agosto comincia a sbucare: grazie alla tecnologia, ma non intrappolata nella tecnologia stessa.

2 pensieri su “Un’Ansa nuova di zecca (forse)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.