Un milione di domini .it

Complimenti ad Aruba per aver conseguito un altro primato: la registrazione del milionesimo dominio .it presso la Registration Authority del CNR. Poca simpatia, invece, per chi sta utilizzando il dominio in questione per ottenere visibilità del tutto gratuita ed immeritata.

Tra i due estremi, un pensiero va anche alle 15.000 piccole aziende, persone ed istituzioni che ogni mese decidono di aprire un proprio spazio virtuale “targato Italia”: contribuiscono a far crescere lo spazio virtuale che, nel nostro Paese, è ancora troppo limitato. Se rimaniamo in termini di numeri, ad esempio, gli 8,2 milioni di .de possono solo farci impallidire.

L’impennata nelle registrazioni è dovuta da una parte al principale attore sul mercato, l’Aruba di cui sopra, di aver venduto da ormai diversi anni spazi Web di qualità a prezzi irrisori; dall’altra, alla politica di liberalizzazione nelle registrazioni, che dall’eccessiva rigidità iniziale (un solo dominio per ogni titolare di partita IVA) si è avviata verso un’apertura completa per i cittadini e le organizzazioni europee.

Chissà se il giovane Luca Vullo saprà godere della fama giuntagli improvvisamente sul collo (virtuale): non si può non augurarglielo, sperando di poter festeggiare presto i 2 milioni di domini senza le registrazioni demenziali che, inevitabilmente, giungerebbero qualora si decidesse di aprire il registro ad attori di tutto il mondo. Chissà, soprattutto, se il tanto citato .eu raggiungerà traguardi interessanti in breve tempo: non si direbbe, viste le premesse.

1 pensiero su “Un milione di domini .it

  1. Al NIC CNR RA che dir si voglia, invece di pavoneggiarsi con questi studi – tra l’altro è la seconda volta che fanno un comunicato con sto milione di domini, mica saranno come quel milione di posti di lavoro 😉 – , potrebbero trovare nel 2005 finalmente un modo per registrare un punto it senza mandare un fax… 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.