“Comunicare fa male” (col cellulare)

Comunicare fa male” è il nome di un’interessante manifestazione che si svolge annualmente in Toscana, citata più volte da Lindo Ferretti nell’ambito delle sue vulcaniche idee cultural – spettacolari, canzoni comprese. Da oggi può divenire anche lo slogan riassuntivo di una ricerca pubblicata negli Stati Uniti sugli effetti sociali della comunicazione via cellulare, vero atto d’accusa verso il diabolico (?) elettrodomestico ed i suoi proseliti.

In tutta Europa, dalla Finlandia all’Italia, dalla Gran Bretagna alla Spagna, si potrebbero sviluppare analoghi filoni di ricerca: non mancherebbero i soggetti patologici buoni per suffragare le tesi più nere. Dagli episodi da operetta di rapporti di coppia terminati a causa di qualche SMS letto da fidanzate gelose delle amanti alle storie più serie di persone che a causa dell’abuso da cellulare hanno avuto problemi di salute, non sarebbe difficile trovare europei vittime del mezzo.

Peccato che, in realtà, è il libero arbitrio più che la tecnologia a fare la differenza tra utilizzo saggio di un mezzo e patologia. Il cellulare non è più uno status symbol da almeno 7 – 8 anni e l’utilizzo spasmodico ormai denota cafonaggine più che vita impegnata. Non fanno eccezione i professionisti con l’auricolare caliente: l’esperienza insegna che e-mail da una parte e comunicazione visiva dall’altra sono mezzi decisamente più efficienti di gestire il rapporto con colleghi e clienti di qualche telefonata fatta di fretta tra un avviso di chiamata ed una mancanza di campo.

La voglia di comunicare a tutti i costi diventa mania soprattutto quando si ha paura di spegnere il cellulare, di staccare il proprio cordone ombelicale col Mondo: non solo quello professionale, ma anche quello di parenti ed amici. A volte sarebbe bello dedicare un po’ di tempo a scoprire o riscoprire modalità diverse di comunicare con i nostri interlocutori. Riflessione che potrebbero fare anche gli uomini politici, invece di progettare faraonici programmi di SMS elettorali

1 pensiero su ““Comunicare fa male” (col cellulare)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.