Facciamoci un caffé per non pensarci

Ovunque si vedono i tentacoli della campagna pubblicitaria delle cialde caffé Kimbo e della relativa macchina da caffé prodotta da Amstrad: accanto al solito protagonista Gigi Proietti, stavolta la protagonista è Consuelo, alias Natalia Estrada. Ipermercati, supermercati e grandi magazzini sono infatti invasi dalle maravigliose macchine nere: prezzo fisso 59,90 Euro, dal negozio di periferia al grande ipermercato. Prezzo tutto sommato limitato, se confrontato con quelli dei concorrenti.

I vari produttori di home appliances che in Italia vendono i loro prodotti a prezzi ben più alti hanno d’altra parte una spesa in più rispetto ad Amstrad: quella della ricerca e sviluppo prodotti che, secondo De Longhi, Imetec ed altri, Amstrad semplicemente ignora. L’azienda si limiterebbe, infatti, a fare grandi investimenti di marketing per vendere prodotti – copia di quelli originali, producendoli con costi così limitati in Cina da poter agevolmente abbandonarsi a politiche di dumping.

Questo è il motivo per cui Amstrad non è più (solo) il marchio dei PC venduti da Postalmarket negli anni Ottanta: vende tanti prodotti low cost, soprattutto decoder per la televisione digitale terrestre. D’altra parte i cittadini italiani sono piuttosto incentivati a comprare i videoregistratori senza nastro che il Governo continua a supportare con grandi elargizioni. In fin dei conti, sebbene la maggior parte della produzione di questo tipo di prodotti venga svolta all’estero, i proprietari spesso sono europei: è sempre un modo di far girare l’economia.

Anche Amstrad è posseduta da un pool di soci europei ed anche il distributore italiano, Solari.com, ha un padrone italiano. Si tratta di Paolo Berlusconi, che non è solo il compagno della suddetta Consuelo, ma anche il fratello del Presidente del Consiglio che ha stanziato i fondi per il decoder e lo zio del manager che gestisce Mediaset e le sue controllate, Media Shopping e Mediaset Premium in primis. L’economia gira, ma sembra segua sempre lo stesso verso.

1 pensiero su “Facciamoci un caffé per non pensarci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.