Trenta secondi di pura creatività

Lo sa anche chi non guarda la TV generalista italiana: a scatola chiusa si può scommettere che anche quest’anno, come tutte le estati, le reti Rai trasmetteranno lo storico spot del Pennello Cinghiale il cui slogan, «Non ci vuole un pennello grande ma un grande pennello», è entrato nel linguaggio comune e fa sicuramente parte del patrimonio culturale nazionale.

Considerazione non esagerata: in fin dei conti, nel momento in cui persino il Corriere dedica un commosso omaggio ad Ignazio Colnaghi ed al suo spot, la celebrazione è ormai al culmine. Si tratta del riconoscimento meritato da una micro-storia che è figlia della tradizione pubblicitaria europea più nobile: potremmo dire che è l’unico Carosello giunto sino ai nostri giorni.

L’altro spot protagonista dell’estate, come sempre, è quello della Cedrata Tassoni. La differenza non è tanto nella bruttezza oggettiva delle immagini della cascata o nell’evoluzione tecnica dello spot, che non è esattamente quello originale in termini di immagini e musica, quanto nella natura: sebbene lo slogan cantato rimanga impresso in mente, la mancanza di una storia non riesce a dare al prodotto (ed al suo marchio) la stessa aurea dell’amato pennello.

Se è difficile immaginare un grande mercato per la Tassoni e la sua cedrata (?), molti di noi sono stati convinti, dagli anni Ottanta in poi, che la Cinghiale fosse una sorta di multinazionale leader nel suo settore di nicchia: il merito è di quel pennellone che l’ha lanciata nel firmamento dei grandi marchi. Difficilmente, al prossimo passaggio in ferramenta, cercheremo pennelli diversi da quelli Cinghiale: lo faremo tutta la vita, anche quando, se mai avverrrà, non verrà più trasmesso lo spot.

1 pensiero su “Trenta secondi di pura creatività

  1. Implacabile nella cadenza tetraquotidiana anche ad agosto, vecchio mio? Prossimamente, chez moi, un post sull’argomento, preparato di getto lo stesso giorno del tuo, tenuto in congelatore dopo aver scoperto che ne avevano parlato un po’ tutti, media main & lowstream, ed ora arricchito anche del tuo contributo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.