Chiudere gli occhi e pensare a Beppe Grillo

Proviamo a fare un esperimento: commentare l’ormai noto post di Alessandro Gilioli a proposito della mancata intervista a Beppe Grillo provando ad ignorare le decine di articoli che nel giro di poche ore hanno inondato i blog italiani o le migliaia di commenti ricevuti in coda al post stesso. Riflettervi come se non si fosse blogger, come se l’articolo di Gilioli fosse apparso su L’Espresso qualche anno fa, quando i blog in Italia erano poco diffusi ed i magazine avevano ancora quel valore di approfondimento attualmente preso in carico dai quotidiani cartacei. Tentare, insomma, di ragionare in termini Grilliani: scrivere da dentro una campana, ignorando il confronto con la blogosfera e con i giornalisti, ma anche con coloro che commentano in maniera copiosa sul blog stesso di Grillo.

Non che mancherebbero le tracce del passato recente, in Rete, per riflettere sui presunti nemici dell’ex-comico diventato pastore di anime: chi non ricorda, ad esempio, la campagna “Contro Beppe Grillo”, che un anno e mezzo fa aveva attirato grande attenzione collettiva, o lo schierarsi deciso di Daniele Luttazzi contro le proposte di legge lanciate in occasione del tanto vituperato V-Day? Come non riportare alla mente la lunga analisi del fenomeno Grillo di Massimo Mantellini, che appena pochi mesi fa scriveva…

«Forse, dico forse, Grillo è volontariamente fuori da qualsiasi dinamica di rete. Emette ma non riceve, parla ma non risponde, Grillo forse usa Internet bene (ben consigliato, andrebbe detto) ma non abita la rete. E come lui la grande maggioranza dei suoi commentatori e lettori.»

Se ne parlava criticamente persino su .commEurope, esattamente due anni fa: oggi come allora, Beppe Grillo lancia i suoi strali via blog, ma oggi ancor più di allora ha un pubblico fedele e convinto della bontà delle sue argomentazioni. Un pubblico ormai trasbordato offline, che sulla Rete come in piazza crede nelle recriminazioni di Grillo (anche quando del tutto infondate) a proposito della censura “dall’alto” delle sue idee. Una censura che sarebbe operata dai grandi operatori del mondo della comunicazione, giornali e non, ma che dovrebbe essere del tutto inutile proprio in base ad uno degli assunti principali delle campagne di Grillo: se è vero che Rete sociale e blog sono il “vero” mezzo del futuro, proprio l’ampia attenzione che tutti dedichiamo alle iniziative del mattatore dovrebbe essere la sua arma più tagliente verso il “Regime” che critica.

Nella campana si sta comodi e protetti: il blog è un amplificatore sparato a tutto volume verso l’esterno, ma il vetro riesce a filtrare le reazioni che le parole pesanti lanciate nell’etere creano nella massa (e tra i giornalisti). Solo una cosa serve davvero, cioè un’organizzazione che sostenga gli sforzi e mantenga ben salda la campana: Grillo l’ha trovata nella Casaleggio Associati, in quella brillante struttura guidata da GianRoberto Casaleggio che, nel bene e nel male, da anni sta profondamente incidendo sulla realtà del Web italiano. Sorge il dubbio che scavando sotto il predicatore che arringa le folle, insomma, ci sia un terreno consolidato e ben poco anarchico. La prossima puntata della guerra di Grillo contro lo stato di cose precostituito, a questo punto, dovrebbe essere il match “Grillo vs. Casaleggio”. Ma succederà?

2 pensieri su “Chiudere gli occhi e pensare a Beppe Grillo

  1. Sto lasciando diversi commenti a chi può ospitare quelle che ormai sono le critiche sia al Blog di Beppe Grillo (sordo alle richieste di spiegazione, di rettifica, o di risposta semplice alle domande) che alle idee che propugnerebbe. E parlo al condizionale perché ormai sono persuasa che il personaggio non solo è telecomandato internettianamente parlando ma fa parte di un meccanismo che trovo squallido.

    Per curare i suoi affari, Grillo non segue un comportamento corretto verso i suoi sostenitori. Timidamente qualcuno si sta accorgendo che il suo Blog sembra una vetrina di plastica dove gli articoli – ben argomentati e ben scritti – attirano nugoli di lettori ma i commenti sono francamente stravaganti, ripetitivi e a volte deliranti, e non c’entrano nulla o quasi con l’articolo a cui dovrebbero riferirsi. Qualche commento è normale e corrispondente, ma gli editori hanno ridotto la lunghezza cosicché costringono più volte a scrivere vari pezzi del proprio pensiero. E aumentano le “visite” che tarano i profitti.

    Vergogna a chi deride le speranze e ne cavalca il moto emotivo, sono persuasa che si ritorcerà contro all’improvviso e tutti questi profitti la Casaleggio Associati e Grillo li perderanno.

    Che dire poi del messaggio delirante del “capo” GianRoberto Casaleggio? Immerso nel suo futurismo da sballo onirico forse tira dritte a chi comprende messaggi massonici? Ma basta, per carità.

  2. A mio modesto parere Grillo non dice niente di cosi scandaloso… O di ingiusto… Ovviamente ciò non giustifica quello che fa… Avrei una domanda però: pensa che Grillo e company avrebbero tanto da dire se l’italia non fosse governata da una classe politica così scadente? Ebbene sì… Nel caso nessuno se ne fosse accorto, l’Italia va alla deriva… E cosa si fa costantemente da anni? Si parla… Sarebbe stupendo se alle parole seguissero i fatti, invece no! Entrambe le parti si “sfidano”per mesi con un incessante dibattito pieno di menzogne, sino al limite della pazienza e nonostante tutto alla fine non si arriva MAI a niente di concreto… Quindi trovo inutile deviare le attenzioni e le contestazioni su un comico, ché ad essere sinceri… Il suo lavoro è parlare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.