Furti di codice e risvolti positivi

Da sempre, quando si parla di virus e cracking, si usa una metafora da biologia umana: l’infezione fa bene perché permette di svelare punti deboli dell’organismo, sito o software che sia. Stavolta, la notizia del furto del codice sorgente di Windows ha colpito non soltanto per le dimensioni, ma anche per la reazione di Microsoft.

Resasi conto che in un prodotto leader di mercato come Internet Explorer basta visualizzare un’immagine Bitmap per creare un Denial of Service, prima ha iniziato a diffondere minacce e diffide, poi si è impegnata a “rivedere il codice” dei suoi prodotti per tranquillizzare la clientela, soprattutto quella business.

Sino ad ora, l’analisi più lucida della situazione sembra essere quella di Raulken, portale sulla sicurezza informatica dalle alterne fortune: viene avanzata anche un’ipotesi non del tutto nuova, ma significativa, quella per cui tutto il tormentone sia stato creato ad hoc. Verrebbe da aggiungere, come hanno proposto alcuni informatici, che alla fine è un modo bizzarro per la multinazionale di passare all’open source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.